Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Le recensioni: dott. Giovanni Albano
Mar 27 Feb 2018 - 14:40 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Lun 12 Feb 2018 - 10:15 Da Flavia Vizzari

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Lun 12 Feb 2018 - 10:10 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a Ignazio Buttitta
Lun 18 Dic 2017 - 8:27 Da Giuseppe La Delfa

» “Natale in via Margutta”
Ven 15 Dic 2017 - 11:59 Da ninnetta

» ROMA IN 9 TAPPE
Dom 3 Dic 2017 - 0:16 Da Flavia Vizzari

» “EMOZIONI DI ARTE E DI MODA”
Dom 3 Dic 2017 - 0:15 Da Flavia Vizzari

» Commento critico di Flavia Vizzari de Il Granchio di S. Mazzei
Dom 3 Dic 2017 - 0:11 Da Flavia Vizzari

» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» Giuseppe La Delfa
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ottobre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Andare in basso

Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Alfonso Chiaromonte il Sab 12 Lug 2008 - 16:39

Detti, motti, proverbi e modi di dire Tarnuise

avatar
Alfonso Chiaromonte
affiziunatu
affiziunatu


http://xoomer.alice.it/poggioimperiale

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Alfonso Chiaromonte il Sab 12 Lug 2008 - 16:41

PRESENTAZIONE di Alfonso Chiaromonte

Sono particolarmente lieto di presentare un nuovo lavoro che riguarda Poggio Imperiale. È un nuovo interessante tassello che si aggiunge agli altri che già danno lustro al nostro Paese.
Mi ha dato l’opportunità l’amico Lorenzo Bove con il suo Lavoro: Ddummànn’a l’acquarúle se l’acqu’è frésceke. Detti, motti, proverbi, e modi di dire Tarnuíse.
Ancora il dialetto, la lingua viva del posto, che è la prima testimonianza di vita e realtà; è l’espressione totale del concreto mondo della tradizione popolare. Il dialetto dà tono, ombra e luce alle cose e ai fatti, ai pensieri e alle speranze. Immedesima l’uomo con le cose del mondo e scrive l’azione del singolo nella realtà e la trascrive nella coscienza individuale e in quella collettiva.
I detti, i motti, i proverbi, i riti, gli scongiuri… sono esperienze vissute, temi fondamentali della vita umana e perciò profondamente veri. Temi che unificano con la loro persistenza e continuità i momenti della storia ed al tempo stesso ne segnano e sollecitano la marcia verso più ampie conquiste.
Lorenzo scrive nella sua introduzione che ha iniziato, quasi per gioco, a prendere nota dei vecchi modi di dire del paese di origine, e, prendendo nota di tutto quello che sentiva dai nonni, da persone comunque anziane che ascoltava, è arrivato alla stesura di un testo.
I detti, motti, proverbi e modi di dire tarnuíse rappresentano un patrimonio da non disperdere, ma da salvaguardare, per offrire il modo alle nuove generazioni di poter risalire alle proprie radici e conoscere il proprio retroterra culturale.
Ddummànn’a l’acquarúle se l’acqu’è frésceke riprende il linguaggio comune, preso direttamente dal popolo, che è sparito nella parlata dei giovani e che Lorenzo ripresenta a tutti i poggioimperialesi, ma soprattutto alle nuove generazioni.
Bene ha fatto Lorenzo a porre accanto al detto, per la sua comprensione, la traduzione alla lettera e il significato che emerge sempre da un contesto della vita nel suo molteplice manifestarsi.
I detti ricavati da esperienze vissute hanno realmente caratterizzato la vita del passato, raccolgono e rappresentano le sue sfaccettature come l’operosità, l’ospitalità, la riconoscenza, la lealtà, l’umiltà… ma anche l’egoismo, la furbizia, la sopraffazione.
Molti di questi detti ricordano gli sfruttamenti, gli odi, le persecuzioni degli agenti fiscali, le giornate lavorative mal retribuite. Lorenzo Bove li ha raccolti e li ha riproposti nel suo lavoro così come venivano ripetuti dai nonni accanto al camino o accanto al braciere, come venivano raccontati nelle botteghe, dai contadini, dalle persone anziane. Rappresentano la testimonianza di una realtà tarnuése, vissuta in un periodo di scarsissimo sviluppo economico in cui non si era abituati alla vita comoda, ma agli stenti e ai sacrifici, e Lorenzo li ha saputi raccogliere dalla viva voce di chi li conservava nel suo animo, quale geloso custode di un tempo di ristrettezze economiche.
Mi sono divertito parecchio a leggere motti e proverbi e mi sono tornati alla mente gli anni della mia infanzia e della mia giovinezza, quando era ricorrente ascoltarli dalle persone che ormai non ci sono più.
Mi piace anticipare qualcuno per solleticare la curiosità e stimolare alla lettura del testo.
Menà p’u musse. Si dice quando si rinfaccia qualcosa alle persone o si spiattella ai quattro venti il bene o un favore fatto. Chi méne p’u musse è la persona che si crede degna di lode e di ringraziamento per tutto quello che fa.
Oppure Ngrekkà a kóde. Ngrikk’a kóde chi si monta la testa, si dà troppe arie, o sta sulle sue e fa il sostenuto.
Parene krikk’e kròkke si dice per indicare due persone strane e buffe… si vuole ridere di loro.
Ce vò pegljà a pezzekate, riferito a chi punzecchia e prende in giro persone ingenue e sprovvedute.
E che dire di Parle sule quanne pisce a jallíne. Il sapientone che fa zittire chi non conta e che può parlare solo quando la gallina fa pipì, in altre parole mai.
Nel lavoro di Lorenzo si può leggere anche una raccolta importante e significativa di proverbi, che rappresentano la religiosità, l’operosità morale, la saggezza popolare.
Sono grande lezione di vita i proverbi!
Fa ‘bbèn’e scurdete, fa mal’e pinzece. Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci. È la legge morale che ci addita la via del bene, senza aspettarsi ricompense, così come riporta il vangelo di Matteo, (5, 7 e 6, 3): “Beati i misericordiosi… e “Non sappia la mano sinistra quello che fa la mano destra”. Dare sollievo a chi soffre e porgere la mano amica a chi ha bisogno, fa riempire l’animo di gioia e serenità.
U vóve ka dice kernut’a u ciucce. Come per dire che si vede la pagliuzza nell’occhio degli altri e non la trave nel proprio, cioè si vedono i difetti degli altri e non i propri.
Vianòve vianòve, ki lass’a strada vècchje p’a nòve, sàpe quille ka lasse e nzàpe quélle ka tròve. La prudenza non è mai troppa, non si deve lasciare il certo per l’incerto.
U médeke piètóse fa a piaghe vermenóse. Si incita ad avere coraggio ed a prendere decisioni anche in situazioni difficili.
U kannarine jè stritte e ce ‘gnótt’a kase ke tutt’u titte. È un motivo a saper amministrare i propri beni per non restare ócchje chije e màne vakànde cioè senza niente.
I proverbi ovunque hanno rappresentato e rappresentano quadretti di vita, ora simbolici, ora reali, ora bonari ed ora mordaci… Essi sono immagini di una società, sono pillole di saggezza, perle preziose coltivate dagli uomini, conservate e tramandate. Riflettono voci popolari liete e dolorose, a volte serie e a volte argute, ma alla fine sono sempre cariche di insegnamenti.
Queste genuine espressioni dell’anima popolare hanno spinto Lorenzo Bove a riproporle alle nuove generazioni, per ricordarle e custodirle prima che il tempo implacabile le demolisse.
Il libro ‘Ddumman’a l’acquarúle se l’acqu’è frésceke arricchisce il patrimonio delle conoscenze del nostro paese e si aggiunge alle altre opere che così bene lo hanno esaltato.

Alfonso Chiaromonte
avatar
Alfonso Chiaromonte
affiziunatu
affiziunatu


http://xoomer.alice.it/poggioimperiale

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Alfonso Chiaromonte il Gio 11 Set 2008 - 12:08

Presentazione del libro il 12 agosto 2008,
Tra i relatori si possono vedere da sinistra:
Ins. Fernando Chiaromonte, dott. Alfonso Chiaromonte, dott. Lorenzo Bove, avv. Vittorio Nista.



Ultima modifica di Alfonso Chiaromonte il Sab 4 Ott 2008 - 11:03, modificato 1 volta
avatar
Alfonso Chiaromonte
affiziunatu
affiziunatu


http://xoomer.alice.it/poggioimperiale

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Alfonso Chiaromonte il Gio 11 Set 2008 - 12:10

12 agosto 2008, relazione del dott. Alfonso Chiaromonte

avatar
Alfonso Chiaromonte
affiziunatu
affiziunatu


http://xoomer.alice.it/poggioimperiale

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 19 Gen 2009 - 15:53

molto interessante! cheers
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Flavia Vizzari il Sab 7 Feb 2009 - 1:05

per richiedere il libro : info@edizionidelpoggio.it
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Alfonso Chiaromonte il Sab 7 Feb 2009 - 14:12

Per richiedere il libro basta rivilgersi all'edizioni del poggio.
Può darsi pure che te ne invia una copia di questo libro e quello di mio fratello.


storico Alfonso Chiaromonte
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/poggioimperiale
avatar
Alfonso Chiaromonte
affiziunatu
affiziunatu


http://xoomer.alice.it/poggioimperiale

Torna in alto Andare in basso

Re: Ddummanne a l'acquarule se l'acqu'è fréscijche

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum