Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Le recensioni: dott. Giovanni Albano
Mar 27 Feb 2018 - 14:40 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Lun 12 Feb 2018 - 10:15 Da Flavia Vizzari

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Lun 12 Feb 2018 - 10:10 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a Ignazio Buttitta
Lun 18 Dic 2017 - 8:27 Da Giuseppe La Delfa

» “Natale in via Margutta”
Ven 15 Dic 2017 - 11:59 Da ninnetta

» ROMA IN 9 TAPPE
Dom 3 Dic 2017 - 0:16 Da Flavia Vizzari

» “EMOZIONI DI ARTE E DI MODA”
Dom 3 Dic 2017 - 0:15 Da Flavia Vizzari

» Commento critico di Flavia Vizzari de Il Granchio di S. Mazzei
Dom 3 Dic 2017 - 0:11 Da Flavia Vizzari

» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» Giuseppe La Delfa
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ottobre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Radici perdute di Franco Santamaria

Andare in basso

Radici perdute di Franco Santamaria

Messaggio  Admin il Mar 20 Ott 2009 - 8:10




http://www.modulazioni.it/Radici_perdute/indice.htm


Radici Perdute
Kairòs Edizioni, Napoli 2009
Introduzione di Antonio Spagnuolo
Prefazione di Alfredo Rienzi
ISBN 978-88-95233-34-5, pp. 94, € 10,00



RADICI PERDUTE

Alcune poesie
tradotte in francese da France Ferran


Ultima modifica di Admin il Mar 20 Ott 2009 - 8:12, modificato 1 volta


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Radici perdute di Franco Santamaria

Messaggio  Admin il Mar 20 Ott 2009 - 8:11

Gian Domenico Mazzocato
L’AntiTirteo Franco Santamaria in “Radici Perdute”


Tirteo, come narra un ruvido mito, era un povero maestro, dai movimenti maldestri per via di una gamba claudicante. Un giorno gli Spartani, in piena crisi militare, chiesero aiuto ad Atene che inviò, in segno di sfregio, proprio il miserabile Tirteo. Il quale però seppe alzare un canto così veemente che incitò alla riscossa vittoriosa. Cantava e diceva che «Per un uomo valoroso è bello cadere morto / combattendo in prima fila per la patria».
Quando, dopo una vorace, talora frenetica lettura ho chiuso le “Radici Perdute” di Franco Santamaria, nello slancio di una moderna mail elettronica gli ho scritto: “Hai una tua strada all’autobiografia (all’autobiografismo, se preferisci) che si fa racconto e, di volta in volta, filastrocca, nenia, canzone, invettiva”. Precisavo -con dovuta e professorale diligenza- come trovassi che “sia opera alta, di grande impegno civile e nutrita di classicità”. Chiave sufficiente a dire il coinvolgimento emotivo, ma non a spiegare.
Ed ecco qui il nostro maestro inviato in aiuto ai Lacedemoni: mi sono trovato a pensare a Franco Santamaria come ad un Tirteo rovesciato. Alla lista di generi (o sottogeneri) di quella mail sento di dover aggiungere l’elegia, quella alta, di intonazione civile, di rigoroso piglio morale.
L’AntiTirteo/Santamaria suona il tamburo sommesso della voglia di pace, della fine della violenza, della serenità che deve farsi fiume e travolgere. Benefico travolgimento: oggi si parla molto di radici perdute e di voglia di trovarle.
Ma Santamaria gioca con l’ambiguità. Queste sono radici autentiche (non le astratte e spesso discutibili radici culturali), quelle che frugano il terreno, elaborano stille di humus, diventano linfa. Se le perdiamo, se si spezzano, se qualcuno le tronca, se incontrano un terreno poco fertile, se…: mi viene in mente tutto il catalogo di situazioni nella parabola evangelica del seme che trova terreno più o meno fecondo.
Se accade tutto questo, noi inaridiamo.
Nella convulsione mediatica il poeta di Tursi riscopre la forza battente della filastrocca che si fa documento poetico in molti luoghi e soprattutto in Non gode la morte, con la severa, ineludibile ripresa di È sangue… Fino a concludere con la negazione di un antidio: non amo il dio che annera la luce. La corrobora, Santamaria, col suo linguaggio scabro e alluvionale.
Che è utile, funzionale. Dimidiato infatti tra tensione civile e riflusso nel privato, Santamaria nutre la sua autobiografia con la missione di una quotidianità che vorrebbe farsi urlo ed è condannata (condanna di tutti gli intellettuali e del loro cosiddetto impegno) a sopravvivere come voce fioca, eco di un risuonare più profondo e remoto.
“Eco”: parola chiave nella poetica di Santamaria. Più volte usata in altre sillogi (fin nel titolo: Storie di echi, Echi ad incastro), torna qui nella intestazione e nel corpus di una lirica bella e notturna. Gli echi recano la condanna della loro stessa natura, sono lontani e confusi. Il poeta non può chiedere loro un chiaro segno. Questo è l’itinerario segnato della autobiografia/autobiografismo di Santamaria.
Autobiografia e autobiografismo sono due concetti complementari ma non equivalenti: il primo allude al semplice narrare di sé (nei modi del romanzo, del poema, della canzone o, come qui, della silloge poetica), il secondo alla tensione ideale verso la ricerca di un paradigma che coincide con la propria sfera esperienziale e la voglia di comunicarla agli altri.
Qui il cerchio si chiude perché questo desiderio di comunicazione è esattamente il cercare (e trovare, se possibile) gli echi su cui si innerva la poetica di Santamaria: operazione perfino impietosa, a pensarci, ma dovuta.
Perché quel che resta/ è scoria.
Ma va osservato che il poeta esplora anche questo margine residuale, questa frangia che è terra di nessuno (o magari di tutti, che è in fondo la stessa cosa), ha uno sguardo anche per ciò che è scoria.
Tirteo infatti è zoppo e sa che le battaglie si combattono con difficoltà, con dolore.
Mai nel fulgore della forza. Come si dice: non le combattiamo mai quando vorremmo, quando ci sentiamo particolarmente forti, vaccinati a tutti gli assalti del destino, quando avvertiamo nella nostra anima un baluardo incrollabile.
Ed è emozionante seguire Santamaria in questo urlo di dolore dove tutto è scoria: lo stilema con cui apre molte strofe, in ordine sparso, suggerisce Potrei… (Potrei ascoltare il palpito delle lacrime -felicissima sinestesia- oppure Potrei contare le scaglie dei marmi). In questo potere condizionato (si noti che la poesia di Santamaria è tutta nei suoi sensi e il suo Potrei allude sempre all’esercizio della vista, del tatto, dell’odorato) è lo spazio di una poesia/racconto che non si sottrae a nessuna responsabilità e tutto osserva. Tutto analizza, tutto passa al setaccio.
Con facile gioco di parole potrei transitare da “scoria” a “storia”. Ma è l’AntiTirteo/Santamaria a chiamare il passaggio, a dettarne i tempi e i modi, a spiegarne il ritmo.
Direi così: una epopea del soffrire quotidiano. Che nel momento in cui comunica con altri (appunto: trova echi) alza robusta l’elegia della voglia di vivere.
Della luce lontana. Che esiste, di sicuro esiste.
© Gian Domenico Mazzocato
Treviso, ottobre 2009

Franco Santamaria, Radici Perdute
Introduzione di Antonio Spagnuolo
Prefazione di Alfredo Rienzi
Kairòs Edizioni, Napoli 2009
ISBN 978-88-95233-34-5, pp. 94, € 10.00


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum