Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Le recensioni: dott. Giovanni Albano
Mar 27 Feb 2018 - 14:40 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Lun 12 Feb 2018 - 10:15 Da Flavia Vizzari

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Lun 12 Feb 2018 - 10:10 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a Ignazio Buttitta
Lun 18 Dic 2017 - 8:27 Da Giuseppe La Delfa

» “Natale in via Margutta”
Ven 15 Dic 2017 - 11:59 Da ninnetta

» ROMA IN 9 TAPPE
Dom 3 Dic 2017 - 0:16 Da Flavia Vizzari

» “EMOZIONI DI ARTE E DI MODA”
Dom 3 Dic 2017 - 0:15 Da Flavia Vizzari

» Commento critico di Flavia Vizzari de Il Granchio di S. Mazzei
Dom 3 Dic 2017 - 0:11 Da Flavia Vizzari

» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» Giuseppe La Delfa
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Agosto 2018
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Dialetto Riberese (G.N.Ciliberto)

Andare in basso

Dialetto Riberese (G.N.Ciliberto)

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 2 Mar 2009 - 8:18

LU DIALETTU DI RIBERA

Quanti palori antichi rivilisi, nun sentu cchiù ca vannu scumparennu,

si cangia e si stracangia lu paisi e lu passatu ormai si và pirdennu.

L’amatu nostru siculu parlari è funti di cultura ca nun muta,
in puisia a tutti fa ‘ncantari ch’è un focu sempri vivu e mai s’astuta.



Iu ‘nni facissi lingua nazionali, ‘nsignalla ‘nti li scoli a tutti quanti,

è ricca di sapuri, senza uguali, è bedda e si fa amari sull’istanti.

Tanti palori sù mudernizzati, ma unn’hannu cchiù ddu gustu e dda magìa,

vucabuli ca sunnu ormai scurdati quann’era nicu sempri li sintia.



Ricordu: gattaloru e cufilaru, bunaca, lu cufinu e lu gristuni,

lu meccu di lu spicchiu e lu casdaru, la cicaredda e anchi lu cicaruni.

Si jucava a li mazzi e a la cannedda, a l’une monti oppuru a li pumetta,

mangiannu passuluna e ‘na guastedda si sparagnava e un si facia la detta.



Ogni palora antica ch’era bedda, e pensu birriuni e anchi maidda,

ch’era espressivu “sciatara e mataredda” e un mulu fazu chi sempri ‘ncarzidda.

C’era la cazzalora e la scumera, lu rogiu si mittia ‘nta lu gileccu,

la fimmina ‘ndussava la suvera e lu sidduni si mittia a lu sceccu.



Oggi si usa tanta curtisia parlannu cu lu “lei” a li pirsuni,

ma prima si dicia “vù” o “vossia”, “don Pè”, “zù Cì”, o “’gnuri” pi taluni.

E si sintia puru “masciu Cola”, e “masciu Brasi” o “masciu Batassanu”,

mi pari ajeri, ma lu tempu vola e lu passatu è sempri cchiù luntanu.



Li fimmineddi schetti eranu beddi o cu lu tuppu o cu lu ‘ntrizzaturi,

mittianu ‘nti l’aricchi li ciurceddi e ‘mpettu spilli, oppuru tanti sciuri.

Si a li picciotti d’oggi ci dicemu: zaccagnu, muscaloru o cantaranu,

sicuru ca ‘mbriachi ci paremu, ca stu linguaggiu assai ci pari stranu.



Ricordu lu zimmili e la ‘ncirata, e lu trubberi e anchi la gazzanedda,

la strummula, la pica e la lazzata, la sbria, lu chiumazzu e la fascedda.

E po’ c’è ancora stipu e scanaturi, e màttula, camella e anchi lu ‘nziru,

li vrachi, lu portò, lu sagnaturi, lu càntaru, lu cardubulu e lu tiru.



Li vertuli, l’ancinu e l’ancineddu, lu mònacu, la naca e la curdedda,

la cuttunina e anchi lu murtareddu, lu muccaturi e puru la cincedda.

Tanti palori ormai si cancillaru, ma iu spirassi falli riturnari,

pirchì sù un patrimoniu troppu raru, ca a li nostri antinati fa pinsari.



Parlamulu a Ribera stu dialettu, cu l’anima, lu cori e cu l’affettu,

amamu lu linguaggiu sicilianu ca fu la matri di l’italianu.

G.Nicola Ciliberto



GLOSSARIO

con la traduzione delle parole dialettali

scritte in neretto nella poesia sopra riportata

- cufilaru : struttura in muratura e gesso ove si accendeva il fuoco

-bunaca : giacca

-cufinu : cesta fatta di canne e legno

-gristuni : fondo di quartara o vaso in argilla, usato per dar da mangiare alle galline

gattaloru : buco nel muro di casa per il passaggio del gatto

-meccu : parte del lucignolo delle lucerne o stoppino delle candele ove arde la fiamma

-spicchiu : lucerna in terracotta ove arde "lu meccu"

-casdaru : grossa pentola in rame o alluminio

-cicaredda : tazzina da caffè

-cicaruni : grossa tazza di terracotta o maiolica senza manici, usata per il latte

-mazzi : due pezzi di legno, uno grande ed uno piccolo, usati nel gioco dei bambini

-cannedda :dischetto di terracotta o ceramica usato nel gioco omonimo

-l’une monti : gioco molto in voga negli anni ’50

-pumetta : bottoni

-passuluna : olive nere

-guastedda : forma di pane arrotondata

-detta : comprare a credito

-birriuni : copricapo di lana usato per la notte

-maidda : grosso contenitore in legno ove si impastava il pane

-sciata e mataredda (oppure "sciatara e mataredda): espressione di meraviglia

-fazu : imbizzarrito

-‘ncarzidda : mulo nervoso che scalcia

-cazzalora : pentola d’alluminio o d’acciaio

-scumera : mestolo con fori

-rogiu : orologio

-gileccu : gilèt

-sidduni : sella

-sceccu : asino

-vù - vossìa : lei

-don Pè-zù Cì : don Giuseppe - zio Francesco

-‘gnuri : signore

-masciu : maestro

-tuppu : mucchio di capelli intrecciati dietro la nuca

-‘ntrizzaturi : nastro di seta per legare i capelli

-ciurceddi : orecchini

-zaccagnu : coltello

-muscaloru : ventaglio di paglia per alimentare la legna che arde

-cantaranu : sorta di grosso armadio, dove si custodiva anche il vaso da notte detto "càntaru".

-zimmili : grosso contenitore in vimini per trasportare paglia o prodotti erbacei

-‘ncirata : mantello cerato con cappuccio

-trubberi : tovaglia da tavola

-gazzanedda : nicchia ricavata nella muratura usata per riporvi oggetti casalinghi

-strummula : trottola in legno

-pica : corda

-lazzata : spago per avvolgere la trottola. E’ detta anche "rumaneddu"

-sbria : grossa tavola con asta mobile in legno per impastare il pane

-chiumazzu : cuscino

-fascedda : contenitore di ricotta, intessuto di prodotti vegetali detti vinchi

-stipu : armadio

-scanaturi : tavola per impastare il pane o i dolci

-màttula : orinatoio

-camella : contenitore d’alluminio per alimenti, detta anche "cubanagera"

-‘nziru : vaso di terracotta

-vrachi : pantaloni

-sagnaturi : pezzo di legno cilindrico per spianare la pasta

càntaru: Vaso in terracotta che serviva per i bisogni fisiologici

-cardubulu : grosso insetto che come le api va’ di fiore in fiore

-tiru : grossa lucertola con pelle a forti colori tra il giallo e il verde

-vèrtuli : contenitori in tela per riporvi oggetti o alimenti del contadino

-ancinu : strumento che si usava durante la mietitura

-ancineddu : idem come sopra, ma più piccolo

-mònacu : scaldino in lamiera per contenere il carbone ardente

-curdedda : cordella usata negli indumenti femminili

-cuttunina : pesante coperta imbottita in lana e cotone, usata per l’inverno

-murtareddu : vasetto in rame usato per triturare la cannella, l’aglio e altri prodotti

-muccaturi : fazzoletto

-cincedda : cinghia per i pantaloni



http://www.cilibertoribera.it/indexDIALETTU%20RIVILISI.htm
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum